“Le bugie – già! – che si chiamano anche storie. Ma non ha mica nessuna colpa, sa? Di non esser vera, questa storia. Importa assai che non sia vera; se poi è bella! Sarà riuscita male a lei, nel fatto; ma ciò non toglie che possa riuscire bene a me, scrivendola. E le dico di più; che così, è più bella! Oh, molto, molto più bella! E sono contentissimo che sia venuta in chiaro!“
(L.Pirandello Vestire gli Ignudi)”


Annunci

TEASER

 

GLI IGNUDI

TESTI DA
Vestire Gli Ignudi | Arte e Scienza | La Tragedia di un Personaggio
Regia:
Nicola Bibi Ciammarughi
Musiche originali:

Sergio Beercock | Noa Di Venti
Interpreti:
Federica Cuccia | Noa Di Venti
Nicola Bibi Ciammarughi | Sergio Beercock

____________
“E’ mia vecchia abitudine dare udienza, ogni domenica mattina,
ai personaggi delle mie novelle”
___________

GLI IGNUDI è uno spettacolo da e su Luigi Pirandello, che parte da un’indagine su Vestire gli Ignudi e si apre a un laboratorio in cui si sperimenta e ci si interroga sulla condizione dell’uomo presente, il nichilismo e il suo superamento, in una ricerca di unità nell’arte.

Un discorso sull’amore ai tempi della relativismo.

Due attori, un uomo e una donna. Due musicisti.
Frammenti da Arte e Scienza e da La tragedia di un personaggio tra i dialoghi.

Iniziamo dal vuoto.

La scrittura, e in particolare la scrittura teatrale, è un fatto privato di chi scrive e solo in un secondo momento diventa fatto pubblico. Pirandello con “Vestire gli Ignudi” ci mette di fronte a questo paradosso: come rendere pubblico il momento privato della creazione letteraria e farla avvenire davanti agli occhi di tutti. Fa di tutti i presenti dei personaggi di cui voler spogliarsi: li rende un insieme di sé creativi uniti nello spazio protetto del teatro. Un luogo vuoto dove cominciare l’arte della scrittura in azione.

CHI SIAMO

Nicola Bibi Ciammarughi

Regista, attore, pedagogo teatrale.
Si è formato in differenti compagnie e con diversi pedagoghi e maestri dall’età di diciassette anni, l’ultimo e più influente maestro è Anatolij A. Vasil’ev, con cui ha lavorato dal 2011 al 2015 al Grotowsky Institut di Wroclaw, Polonia; all’Isola della Pedagogia, Venezia (premio UBU 2012); al Teatro Valle, Roma.
Attualmente è regista e pedagogo in diversi progetti, tra cui  CONTINUA A LEGGERE…

Federica Cuccia

Attrice, actor coach, sceneggiatrice.

Si è diplomata attrice presso il centro internazionale ESTUDIO CORAZZA (2012- Madrid) sotto la guida del maestro Juan Carlos Corazza, del quale è in seguito assistente presso il Funaro di Pistoia.
Ha preso parte a diversi progetti teatrali, cinematografici e televisivi CONTINUA A LEGGERE…

Il PROGETTO

La complessità di Vestire gli Ignudi prevede un’altissima probabilità di sbagliare e negli errori generati dal Caso vediamo occasioni di bellezza.

“CHI SONO IO?”

Pirandello ci spinge in un primo momento a chiedere agli altri, ad adattarci a ciò che gli altri ci suggeriscono.
L’atto creativo ci chiede però una qualche unicità, la domanda “chi sono io?” parla dell’essere unico che siamo. Come incontrarlo? Come non cedere alle lusinghe altrui? Come trovare una strada che sia proprio la nostra? CONTINUA A LEGGERE

VIDEO

SINOSSI

Tutti i personaggi entrano nello spazio: gli spettatori e gli attori.

Una donna rimane in piedi, occupa il centro dello spazio e in un gioco orientale mette in equilibrio uno sull’altro dei rami sradicati. Resta sulla scena una scultura, l’albero.
Continue reading “SINOSSI”

CONTATTI

Scrivici un messaggio attraverso il modulo di contatto, ti risponderemo al più presto.